ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

Mons. Nunzio Galantino,"CREATI PER EDIFICARE UN MONDO MIGLIORE"XXIX Domenica

CREATI PER EDIFICARE UN MONDO MIGLIORE
XXIX Domenica del Tempo Ordinario
Il brano del Vangelo di oggi mostra Gesù che, a prima vista, si scontra con i farisei per un banale
problema di tasse. In realtà, le tasse non c’entrano nulla! Piuttosto, è in gioco una domanda ben più radicale: a chi apparteniamo? A chi fa riferimento la nostra vita? Alla famiglia, agli amici, alla società, alla scuola, al lavoro, alla politica, allo Stato? Tu appartieni a Dio, risponde Gesù! È lui che ti ha dato tutto quello che sei e che hai. Questo, più profondamente, emerge dal “faccia a faccia” tra Gesù e i suoi interlocutori che, evidentemente, seguono logiche molto diverse dalla sua.

La proposta di Gesù è condensata in un’espressione ricorrente anche fuori dai contesti religiosi: «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». Una risposta suscitata da una domanda che, in realtà, mirava a mettere in difficoltà Gesù di fronte all’autorità romana.

«È lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?», un quesito non certo originale; esso circolava normalmente tra la gente del luogo, suscitando pareri differenti: gli erodiani erano favorevoli, i farisei (con motivazione religiosa: ogni autorità viene da Dio) pure, gli zeloti invece negavano la liceità del tributo («uno solo è il Signore»).

Per Gesù, però, il banale quesito poteva trasformarsi in una trappola: se avesse risposto «sì», si sarebbe mostrato un collaborazionista; se avesse risposto «no», un sovversivo. In entrambi i casi, sarebbe stato perseguibile o si sarebbe screditato con una parte della popolazione.

Ma Gesù non risponde direttamente all’interrogativo e coglie invece l’occasione per proporre un insegnamento basilare. La domanda a lui rivolta si potrebbe tradurre così: l’uomo è tenuto a dare la sua attenzione e a investire le sue energie in esigenze umane (il «tributo a Cesare») o deve invece orientare tutte le sue forze a Dio? La risposta di Gesù («Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio») anzitutto esclude sterili contrapposizioni, orientando verso un equilibrio su cui deve poggiare la nostra vita. Non servono separazioni ingiustificate e strumentali tra servizio a Dio e impegno sociale.

«Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?», chiede Gesù. Il riferimento all’iscrizione dice che è giusto sentirsi a pieno titolo – con diritti e doveri – cittadini dello Stato; ma è ugualmente importante rispettare un’altra iscrizione, presente in ogni uomo: l’immagine di Dio impressa nel nostro essere.

Un’immagine che domanda di essere tradotta in gesti e scelte concrete. Dunque, «…a Cesare ciò che è di Cesare», ma aggiungendo «…e a Dio quel che è di Dio» Gesù ci invita, con le scelte di ogni giorno, a restituire noi stessi al Creatore. E la via giusta per questa “restituzione” – sul modello di Gesù stesso – è quella di farci dono per gli altri.

Fonte:http://www.nunziogalantino.it

Commenti

Post più popolari