ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

padre Gian Franco Scarpitta, "Il tempo dello Spirito d'Amore"

Il tempo dello Spirito d'Amore
padre Gian Franco Scarpitta  
VI Domenica di Pasqua (Anno B) (06/05/2018)

  Visualizza Gv 15,9-17
Grandi cose può fare lo Spirito Santo, Terza Persona del nostro Dio Trinità, che agisce con modestia e delicatezza per infondere i suoi doni su singoli e gruppi e per sostenere, guidare e animare. Senza la sua effusione nel giorno di Pentecoste a Gerusalemme, la Chiesa non avrebbe avuto lo sprone necessario per organizzare se stessa, per motivarsi, avere slancio e prodigarsi al meglio nella sua missione. Senza lo Spirito Santo gli apostoli non avrebbero potuto esercitare l'opera per la quale anche adesso ci troviamo a lavorare per il Regno di Dio, comunicando con tutti i mezzi l'Annuncio della Resurrezione e della salvezza e soprattutto senza l'incidenza dello Spirito la Chiesa non avrebbe potuto annoverare al seguito del Signore Gesù Cristo uomini di altre nazioni. L'episodio di cui al brano degli Atti degli Apostoli è allusivo a questo particolare aspetto missionario della Chiesa, che si trova ad inglobare anche persone dal popolo pagano, solitamente avulso e distaccato dalla fede nell'unico Dio d'Israele. In conseguenza di una visione di Pietro a casa di Simone Conciatore nella città di Cesarea, nella quale Pietro in sintesi aveva capito che “nulla è impuro di ciò che Dio ha purificato”, incontrando Cornelio l'apostolo stesso concepisce come la visuale di Dio è ben più ampia dei pregiudizi umani: Dio non distingue purità e impurità, circoncisione e non circoncisione, ebrei o pagani, ma tutti sono invitati alla salvezza e alla comunione con lui. Niente di strano quindi che lo Spirito Santo di Dio possa rendere discepoli anche popoli e singoli uomini dell'ambiente pagano e miscredente. Lo Spirito Santo, appunto perché Dio stesso che santifica, rinnova ed esalta, si configura come dono gratuito e spontaneo che non conosce confini, etnie, appartenenze e supera le barriere con le quali noi siamo soliti discriminare gli altri. Lo Spirito è agente di unità nella diversità fra tutti i popoli ed effonde i suoi doni nella libertà e nella spontaneità che gli sono proprie. Non possiamo porre limiti al dono dello Spirito Santo con le nostre preclusioni e con i nostri pregiudizi.

Soprattutto perché lo Spirito è Amore del Padre e del Figlio effuso nei confronti di tutti. Sempre la sua azione silente e determinata al contempo esalta l'amore di Dio e ce ne fa fare esperienza, soprattutto perché attualizza continuamente in noi e attorno a noi la presenza di Gesù Risorto. Lo Spirito Santo permette che prendano forma in noi le garanzie di Gesù: “Non vi ho chiamati servi, ma amici, perché il servo non sa cosa fa il suo padrone. “ Gesù in effetti vuole instaurare con noi un rapporto di apertura e di confidenza che abbia come primo obiettivo l'interazione con il Padre; ebbene è proprio lo Spirito Santo a realizzare questo percorso, che ci innesta nella mutua relazione con Dio in Cristo e sedimenta costantemente l'amore con lui. L'amore con lui che non può restare asettico e isolato, ma deve sprigionarsi nei confronti degli altri.

Sempre lo Spirito Santo muove e anima la Chiesa affinché, nella sua opera di annuncio si renda latrice dell'Amore con cui Dio Padre e Dio Figlio si amano mutuamente nello Spirito Santo per effondere lo stresso Amore su di noi e nonostante le nostre resistenze nella Chiesa l'attività dello Spirito in tal senso è sempre perdurante e mai arrendevole e Dio attende con pazienza che in Cristo siamo tutti davvero suoi amici e non succubi servi passivi.

Mi sovviene a questo punto un racconto molto significativo. In un'sola felice convivevano serenamente, in pace, tutti i sentimenti, buoni e detestabili: Amore, Orgoglio, Gioia, Tristezza, ecc. Un giorno fu annunciato che l'isola sarebbe sprofondata e immediatamente tutti i Sentimenti si organizzarono ciascuno con la sua barca per partire. Solo l'Amore restò privo d'imbarcazione e chiese ad altri il favore di essere trasportato all'altra riva. Passò la barca possente della Ricchezza e l'Amore le chiese un passaggio. La Ricchezza rifiutò categoricamente: “No, no, qui c'è tanto oro, argento, diamanti... Non c'è posto per te.” Passò la barca dell'Orgoglio, ma anche questi si negò di traghettare l'Amore: “Qui è tutto perfetto, sopraffino, non posso prenderti con me.” L'Amore chiese senza successo anche alla Tristezza, ma anch'essa si negò: “Sono talmente triste che voglio stare sola.” Mentre l'Amore cominciava a disperare di trovare un passaggio, improvvisamente sentì una voce che lo chiamava alle spalle: “Vieni Amore, ti traghetto io con la mia barca”. Si voltò e vide un vecchio che stava sospingendo la sua barca dalla rena sui flutti. L'Amore ringraziò, salì immediatamente sulla barca dello sconosciuto e partirono. Arrivati all'altra riva, il vecchio lasciò l'Amore sulla terraferma e ripartì immediatamente, quasi scomparendo. L'Amore era rimasto molto contento di quell'''improvvisa cortesia, ma non era riuscito a capire chi fosse quel vecchio signore che lo aveva aiutato. Interrogò allora il Sapere: “Mi puoi dire chi è quel vecchio che mi ha offerto gentilmente un passaggio?” “Quello è il Tempo” Rispose il Sapere. L'Amore incalzò: “Come? Il Tempo!?” E il Sapere saggiamente rispose: “Si, perché solo il Tempo può farci comprendere quando l'Amore sia importante nella nostra vita”

Meditando su questo racconto, individuo che il nostro “Tempo” è quello dello Spirito Santo, che nel corso della nostra vita ci fa comprendere l'Amore di Dio e la sua efficacia nella persona di Gesù Cristo. La Chiesa vive il questo tempo contrassegnato dallo Spirito, ma tutte le volte che fa prevalere presunzione, orgoglio, egoismo, cattiveria e altro che contrasta l'amore, in definitiva perde il proprio tempo.

Fonte:www.qumran2.net/

Commenti