ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

#PANEQUOTIDIANO, «Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato»

La Liturgia di Domenica 12 Agosto 2018 VANGELO (Gv 6,41-51) Commento:Fray Lluc TORCAL Monje del Monasterio de Sta. Mª de Poblet (Santa Maria de Poblet, Tarragona, Spagna)


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».

Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

Parola del Signore

«Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato»

Fray Lluc TORCAL Monje del Monasterio de Sta. Mª de Poblet
(Santa Maria de Poblet, Tarragona, Spagna)

Oggi, il Vangelo ci presenta la perplessità che provavano i concittadini di Gesù in sua presenza «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?» (Gn 6,42). La vita di Gesù in mezzo ai suoi fu così normale che, iniziando la proclamazione del Regno, chi lo conosceva si scandalizzava di ciò che diceva.

Di quale Padre parlava loro Gesù, che nessuno aveva visto? Chi era questo pane disceso dal cielo, che chi lo mangiava sarebbe vissuto per sempre? Lui negava che fosse la manna del deserto, perché chi l’avesse mangiata sarebbe morto. «Il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». (Gn 6,51). La sua carne poteva essere un’alimento per noi? Lo sconcerto che Gesù provocò nei giudei potrebbe estendersi tra noi se non rispondiamo a una domanda centrale per la nostra vita cristiana: Chi è Gesù?

Molti uomini e donne prima di noi si sono fatti questa domanda, hanno risposto personalmente, sono andati verso Gesù, lo hanno seguito ed ora godono di una vita senza fine e piena d’amore. E a coloro che vadano verso Gesù, Lui li risuscitarà nell’ultimo giorno (cf. Gn 6,44). Giovanni Cassiano esortava i suoi monaci dicendo loro: « “Avvicinatevi a Dio e Dio si avvicinerà a voi”, perché “nessuno può andare a Gesù se il Padre che lo ha inviato non lo attira”(...) ». Nel Vangelo ascoltiamo il Signore che ci invita ad andare verso di Lui: “Venite a me tutti quelli che siete stanchi e affaticati, ed io vi farò riposare”. Accogliamo la Parola del Vangelo che ci avvicina a Gesù ogni giorno; accogliamo l’invito dello stesso Vangelo ad entrare in comunione con Lui, cibandoci della sua carne, perché «questo è il vero alimento, la carne di Cristo, il quale, essendo la Parola, si è fatto carne per noi». (Origene).

mons. Francesco Lambiasi
Non possiamo fare una faccia da funerale, uscendo da questa chiesa: qui noi non stiamo commemorando un grande personaggio della storia - fosse pure un Socrate o un Francesco d'Assisi. Stiamo incontrando il Risorto che ci dona il suo pane .perché chi ne mangia non muoia?, e ci comunica lo stesso Spirito, che è Signore e dà la vita: la vita per sempre. E non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perché le cose di prima sono passate?: parola del Signore!

Ultimi post

In classifica

Post più popolari