ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

Paolo Curtaz, "Secondo Dio "

Commento al Vangelo di domenica 7 Ottobre 2018 - Paolo Curtaz
Secondo Dio


Dio ha creato l’umano a sua immagine.

A immagine della comunione, della relazione, della danza.

A immagine della Trinità.

E all’umano la solitudine pesa, poiché la sua natura profonda si specchia in Dio.

Nonostante tutto, l’umano è infelice.

Che pasticcio. Dio non sa che fare.

Allora plasma ogni essere vivente e chiama l’umano finché gli dia il nome.

Dare il nome, nel linguaggio biblico, significa conoscere profondamente, possedere. L’umano si rende simile a Dio, sa. Eppure questo sapere genere noia. Sa tutto di tutti. Nulla più lo stupisce.



Dio, allora, prova un’altra soluzione, quello che manca all’umano è la mancanza.

Solo un vuoto spinge a cercare un pieno. Solo un’assenza spinge ad una presenza.

Dio vuole fare un aiuto che corrisponda all’umano.

In ebraico, in realtà, c’è scritto: come uno di fronte a lui.

Di fronte, non sottomesso. Uno contrapposto. Un avversario, un diverso.

L’unico modo per suscitare interesse nell’umano è scindere ciò che è unito.

La pienezza dell’umano, che in sé porta maschile e femminile, va divisa.

La curiosità nasce da una mancanza. E Dio scinde l’umano.



Stupori

Dorme, l’umano.

È troppo importante ciò che sta per accadere per assistervi. Divino.

Dio lo divide a metà. Non prende una costola, come spesso tradotto dalle nostre Bibbie.

Come già traduceva il grande rabbino medievale Rashi di Troyes, Dio divide l’umano come se fossero due stipiti di una porta. Due montanti che creano un’apertura e che danno la giusta distanza fra uomo e donna. Due montanti capaci di sostenere una trave orizzontale che li unisca.

Solo ripristinando una differenza, una distinzione, un’alterità creano un passaggio, un varco.

L’uomo si sveglia, stupito e grato.

Ora è incompleto. Ora ha il suo femminile di fronte a lui, e gioisce.

Non siamo bastanti a noi stessi. Nasciamo con un profondo desiderio di relazione.

Sappiamo bene che l’amore ci è necessario. Il confronto, la diversità, un altro da me che mi possa far vedere la realtà in maniera diversa.

È un progetto di Dio questa diversità.

Così come il desiderio che portiamo scolpito nel cuore.

Viviamo di una mancanza, di una nostalgia, di una relazione da costruire.

E questo desiderio ci rimanda a chi lo ha creato, a questo Dio geniale e creativo che trova soluzioni.

Così che tutta la nostra vita diventi desiderio.

Ma, come ogni cosa magnifica, ogni realtà ha una sua ombra.

Molti percepiscono questa mancanza di completezza, questa dipendenza, questa ricerca come qualcosa di negativo. E la negano.

L’opportunità, allora, viene vista come una disgrazia da superare.



Pasticci

Così possiamo anche interpretare l’azione dell’uomo (magnifica Scrittura che si presta a mille sfumature!) che reagisce con fastidio a quanto accaduto. Nega l’azione di Dio.

Definisce la donna, sa da dove proviene, dice che è un pezzo di se stesso.

Questa qui, così dice letteralmente il testo, è una cosa sua.

Dio voleva creare contrapposizione, alterità, mistero, stupore.

L’uomo la riconduce a sé, dice di conoscerla perfettamente, come aveva fatto con gli animali.

Saccente, afferma di sapere da dove proviene, nega la diversità, nega il mistero.

E la donna, purtroppo, tace.

Nel magnifico testo della Genesi interviene il redattore, offre una soluzione.

Perciò, scrive.

Per tornare al progetto di Dio l’uomo e la donna hanno tre percorsi essenziali.

Lasciare la propria idea di famiglia, le proiezioni, gli stereotipi.

Attaccarsi, cioè fare un’esperienza profonda di comunione.

Diventare una carne sola, unire le carni, là dove la carne, nella Bibbia, indica la parte fragile dell’esistenza, non certo il sesso.

Una coppia che trovi nell’altro la pienezza, la completezza, l’altra metà, vive la propria esperienza con stupore, senza attese o paradigmi, investe le proprie emozioni, condivide le fragilità.

Così, dice Dio, può funzionare.

Nessuno domina nessuno. Nessuno manipola nessuno.

Non ci annienta, non si scompare nell’altro. Si resta diversi.

Ecco, così l’ha pensata Dio.



Divorzi

Allora, certo, Gesù non può accettare le furberie e i giochetti di chi, accanto a lui, appellandosi addirittura a Mosè, considera la donna come una proprietà di cui disfarsi se non soddisfa le proprie esigenze. E non è un discorso di codici e di regole, di leggi e di vincoli, ma di sogni.

Quando immagino un cammino di coppia in cui l’altro non diventa il fine ma il compagno di viaggio, quando accolgo la diversità come ricchezza e come prospettiva altra sulla vita, quando andiamo nella stessa direzione, realizziamo il sogno di Dio.

Con fatica, litigando, con i momenti di crisi nera, con il rischio dell’abitudine come tutti, ma cogliendo fino in fondo in pensiero di Dio.



E ditemi voi se non è una prospettiva magnifica.

Fonte:www.tiraccontolaparola.it/

Ultimi post

In classifica

Post più popolari