ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

ROBERTO BRUNELLI, "Le ricchezze, materiali e immateriali"

Le ricchezze, materiali e immateriali
mons. Roberto Brunelli

XXVIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (14/10/2018)

  Visualizza Mc 10,17-30
A differenza di quanto molti ritengono, alla luce del vangelo il danaro e gli altri beni materiali non sono di per sé un male. E' vero: possono essere simbolo di molte ingiustizie commesse per averli; ma possono anche essere simbolo di una onesta fatica giustamente retribuita; sono lo strumento per provocare danni al prossimo, ma anche per aiutarlo.

Valutare correttamente i beni materiali di cui disponiamo, è l'argomento del vangelo di oggi (Marco 10,17-30). Un tale, ben fornito di ricchezze ma anche di fede e anzi desideroso di perfezione spirituale, chiede a Gesù che cosa deve fare per avere la vita eterna. "Osserva i comandamenti", gli risponde il Maestro e, quando l'interpellante dichiara di farlo già, aggiunge: "Una cosa sola ti manca: va', vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!". L'invito non è accolto (“egli, rattristatosi per quelle prole, se ne andò afflitto, perché aveva molti beni”) e Gesù commenta con la celebre frase: "E' più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio".

Sull'insegnamento del vangelo circa il valore delle ricchezze, questo episodio va integrato con altri, per capire che chi possiede o brama ricchezze è invitato a distaccarsene, ma più del distacco effettivo conta quello affettivo. Chi, pur non disponendo di beni materiali, spasima e si agita per acquisirne, e per farlo è disposto a servirsi di ogni mezzo, lecito e non, davanti a Dio è nelle stesse condizioni di chi ne ha e ritiene di poter basare su di essi la propria vita. Per contro, chi possiede beni in questo mondo e se ne avvale non per scopi egoistici ma per aiutare chi è nel bisogno, può sperare di passare per la cruna dell'ago e accedere al regno di Dio.

Peraltro, la ricchezza non è il bene primario cui tendere. Tutti convengono (è quasi un luogo comune) che più importante è la salute: quella fisica, si sottintende; ma per un cristiano ancora più importante è la salute spirituale, quella per cui si cerca di vivere in armonia con Dio. La Sacra Scrittura individua qui la vera sapienza, come ricorda la prima lettura di oggi (Sapienza 7,7-11): "Preferii la sapienza a scettri e troni, stimai un nulla la ricchezza al suo confronto... L'ho amata più della salute e della bellezza, ho preferito avere lei piuttosto che la luce, perché lo splendore che viene da lei non tramonta. Insieme a lei mi sono venuti tutti i beni; nelle sue mani è una ricchezza incalcolabile".

Dove poi trovare la sapienza, lo suggerisce la seconda lettura (Ebrei 4,12-13), con una brillante descrizione della Sacra Scrittura: "La parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di una spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell'anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. Non c'è creatura che possa nascondersi davanti a lui, ma tutto è nudo e scoperto agli occhi suoi e a lui noi dobbiamo rendere conto".

In fatto di ricchezze, non bisogna poi dimenticare quelle immateriali, quali l'intelligenza e la cultura. Qui il rischio è che, se non usate bene, portino alla superbia. Anche con tre lauree si può diventare detestabili, quando ad esempio si “snobba” chi non ha avuto la fortuna di studiare, oppure si approfitta delle capacità acquisite per imbrogliare o in altre forme danneggiare il prossimo.

C'è poi un altro tipo di ricchezza immateriale, quella costituita dall'autorità, dal potere. Quanto bene, ma anche quanto male può provocare chi comanda, anche se legittimamente investito di autorità: si pensi alla politica, al mondo del lavoro, alla scuola e così via, ma anche all'ambito familiare. In proposito è utile tornare dopo qualche settimana a ricordare l'esempio di Gesù, che non è venuto per essere servito ma per servire, non per comandare ma per amare.

Fonte:www.qumran2.net

Post più popolari