ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

don Marco Pozza, Acqua, fuochino, fuoco! (Parola del Signore)

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)
(Marco 12,28-34).

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo (Marco 12,28-34).


È uno dei giochi che fan divertire i bambini. Nascondi un oggetto facendo in modo che chi gioca, occhi tappati, non ti veda. Poi dai il via al gioco: tutti che corrono a cercare l'oggetto! L'aiuto che tu puoi dare sono due parole: acqua, se sono troppo fuori strada, fuoco se sono prossimi a trovarlo. “Vietato barare”: se bari, sei escluso per un turno. Il Regno di Dio è un gioco, nel senso più fanciullo del termine: è ricerca, scoperta, inseguimento, agguati e appostamenti. Sono le istruzioni d'uso fornite da Dio stesso: «Cercate invece, anzitutto, il Regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose (companatico e alloggio) vi saranno date in abbondanza» (Mt 6,33). Cercate, per divertirvi: per rallegrare l'anima. Oggi la pagina del Vangelo, di primo acchito, confonde. C'è uno scriba ad interrogare il Cristo: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?» L'Uomo, quello Maiuscolo, mal sopporta gli scribi: sovente li taccia d'essere troppo attenti alla lettera, poco allo spirito. Stavolta, invece, la storia finisce stringendosi la mano: «Non sei lontano dal Regno dei Cieli». Il che è un complimento d'incoraggiamento pazzesco, che manco t'aspetteresti rivolto ad uno scriba avverso. Cristo gli dice: “Fuoco, fuoco. Sei vicino: la strada è quella giusta per arrivare al Regno”. Che sorpresa!
Cristo poteva arrestarsi alla facciata - “È scriba, mi fa perdere tempo” - e liquidarlo. Sceglie, invece, d'andare oltre, accreditandogli fiducia. Lo ascolta e ne apprezza l'indole spericolata, sbarazzina: perché un uomo che s'interroga, rifuggendo la comodità delle frasi-fatte, è un patrimonio d'inestimabile valore. E Cristo, questo, lo sa. Sta al gioco, che non è un gioco: nella foresta di comandi e comandamenti che la legge proponeva, accetta di buttare giù dalla torre quelli inutili, stilando la graduatoria di quelli importanti. Come fare in mezzo a tutto quell'imbarazzo di codici e cavilli? È un gioco da bambini per Chi conosce Dio a menadito come il Figlio suo: «Il primo è: “Amerai il Signore tuo Dio”». Amare è il verbo-preferito di Dio. Mica per nulla: «L'amore – scriveva A. Einstein – è sapere tutto su qualcuno, e avere la voglia di essere ancora con lui più che con ogni altra persona». Amarlo non nonostante-tutto, ma perché, anche deludendo, lui è rimasto il grande cuore ch'era stato. Poi Cristo, geniale, oltrepassa: gli dice che non basta amare, gli insegna come si fa ad amare per davvero. È il di più che solo Cristo può chiedere: «Con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente, con tutta la tua forza». Con passione, cuore e intelligenza: è il tutto che Dio chiede a chi Lo ama. Non è troppo-poco, non è troppo-tanto: è la forma massima, quella che sfiora l'impossibile. È tutto. E, così facendo, amerai quello che sta più a cuore al Signore stesso: «Amerai il tuo prossimo». Lui dice che, rispettando questo ordine, non sarà così difficile amare il prossimo come la gente pensa: amando Dio, è il mondo stesso a venire amato in contemporanea. Il mondo più bello tra quelli inventati da Dio: l'uomo, l'immagine di Dio quaggiù.
L'uomo che, più di altri, è vicino a noi stessi: «Come te stesso». È il colpo di tacco a fine partita. L'avvertimento: “Stai attento: non ti sarà possibile amarmi se non ami il tuo prossimo, non sarai capace di amare il prossimo se non ami te stesso”. Come è avverbio-di-misura, particella d'avviso: è la faccia dell'Amore maiuscolo. La persona giusta, infatti, riesce a farti innamorare due volte: prima di lei, poi di te stesso. «Hai detto bene, Maestro. (Questo) vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». Glielo dice lo scriba al Maestro. E il Maestro, splendido, lo incoraggia: “Fuoco!” Pazzesco Cristo! Mettendo in cima alla classifica l'amore – declamato al futuro («Amerai»), tempo dell'Eterno – svela la sua convinzione: le forze che accendono e fanno accedere al Regno, sono le stesse che tengono in vita il cuore della storia umana. Fuoco! «Non sei lontano dal Regno di Dio». È complimento sommo, appena sotto la santità. Ad uno scriba-strafottente: per come sanno guardare, gli occhi di Cristo meriterebbero di stare al Louvre.

(da Il Sussidiario, 3 novembre 2018)
Fonte:/www.sullastradadiemmaus.it/

Ultimi post

In classifica

Post più popolari