ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

fra Damiano Angelucci,"Pronti, attenti, … via!"

Commento al Vangelo di Domenica 27 gennaio 2019, III del TO anno C
Pronti, attenti, … via!


TESTO (Lc 1,1-4; 4,14-21)

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».


COMMENTO

Gesù di Nazaret inizia da qui ufficialmente la sua missione pubblica. Secondo l’evangelista Luca che si cura di compiere accurate ricerche sulla vita e sui gesti di Gesù fin dagli inizi, l’attesa di quel profeta annunciato da Isaia tanti secoli prima è ormai finita.
Gesù di Nazaret ora è consapevole che non può più nascondersi, la sua umiltà non può condurlo a ritardare la sua entrata in campo.  Lo spirito del Signore è su di lui, è all’opera, la profezia è compiuta, ma rimane da propagarne nell’umanità gli effetti. Perché Gesù non vuole vincere il male in noi senza di noi, senza il nostro assenso.

A questo punto della narrazione entra in campo l’ascoltatore, entra in scena l’ebreo, destinatario delle antiche promesse rivolte anzitutto al capostipite Abramo, ma entrano in scena tutti gli uomini di buona volontà, io, tu che ascolti, ognuno invitato ad accogliere questa parola. Gesù di Nazaret nel suo cuore misericordioso e nel suo corpo crocifisso ha vinto il male più radicale, cioè il veleno dell’odio e dell’inimicizia. Le guarigioni che egli compie sono solo l’inizio, e a Giovanni Battista che manda a chiedergli: “Sei tu colui che viene, o dobbiamo aspettare un altro?” egli difatti risponde: “Andate a riferire a Giovanni: ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista…ai poveri è annunziata la buona notizia” (cfr Lc 7,18-23)
Ma la nostra umanità, dunque, è disposta ad accogliere questo seme di vittoria?

La missione profetica di Gesù non può trovarci passivi.
Mi rivolgo ora in particolare ai cristiani, con esempi banalissimi: siete disposti a smettere di andare a fare le vostre spese di Domenica per non rendere più conveniente alle grandi catene commerciali pagare gli straordinari e chiedere ai dipendenti di lavorare anche la Domenica? Siete disposti a non alimentare e a non favorire i vari circuiti di sfruttamento della p rostituzione, anche solo clickando su siti pornografici? Siete disposti con la sobrietà della vostra vita ad annunciare che “non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”?
L’annuncio della buona notizia del Salvatore Gesù, vivo e risorto in mezzo a noi, passa soprattutto tramite esempi di vite liberate dal male.




Commenti

Post più popolari