ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

DON Tonino Lasconi, "Il coraggio di ripartire da Nazaret"

Immagine


Il coraggio di ripartire da NazaretIV Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 201


Come Gesù, anche noi abbiamo "compaesani" che vorrebbero fermarci e gettarci giù...

«Ma egli [Gesù], passando in mezzo a loro, si mise in cammino». Gesù solo contro tutti. I nazareni, delusi dal compaesano che si è rifiutato di compiere una dimostrazione delle gesta clamorose delle quali avevano sentito parlare, l'hanno spinto «sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù», decisi a chiudere la sua avventura. Invece, "passando in mezzo a loro" – immaginiamoli sopresi, sbalorditi, immobili - si mise in cammino per continuare la sua vita e per svolgere la sua missione tra coloro che, come la vedova di Sarèpta di Sidòne e Naamàn, il Siro, sarebbero stati inaspettatamente disponibili ad accoglierla.

Gesù solo contro tutti. È bellissima questa scena, e può essere il simbolo della nostra situazione di oggi, sia come credenti singoli, che come Chiesa.
Il nostro Nazaret è questa nostra società che sembrava impregnata di valori cristiani, e invece si è rivelata soltanto "verniciata", perché di fronte alla giustizia, al dialogo, all'accoglienza della vita, alla solidarietà verso i diversi e i più deboli, al rispetto del bene comune, non compie scelte consequenziali e comportamenti aderenti.
Il nostro Nazaret sono anche gli stessi praticanti, che sono d'accordo con il papa e con il vangelo quando il papa e il vangelo sono d'accordo con loro.
Il nostro Nazaret sono i figli e i nipoti che si allontanano dalle nostre scelte; i nostri amici e i nostri colleghi che ci compatiscono perché non rinunciamo alla Messa a favore del footing o della partita.
Il nostro Nazaret sono quelli che ci considerano arretrati perché non seguiamo le mode del
New Age, e ci teniamo stretto il nome di Gesù e il crocifisso, incuranti della sensibilità delle altre religioni.

Verrebbe voglia di sfilarci, come Geremia: «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane»: perché siamo pochi e fuori moda. Se lo facessimo, il Signore ci risponderebbe: «Non dire: Sono giovane; non dire: "Siamo pochi e fuorimoda". Non abbiate paura di fronte a loro, perché io sono con voi per proteggervi. Vi faranno guerra, ma non vi vinceranno, perché io sono con voi per salvarvi».

"Vi faranno guerra". Sì, è una guerra. Prima di tutto con noi stessi, per vincere, come Geremia, le nostre paure, poi con i nostri "Nazaret".

Dove trovare la forza per combattere?
Nella certezza che il Signore ha conosciuto anche ciascuno di noi prima che uscissimo alla luce, e anche noi ha consacrato e stabilito profeti delle nazioni.
Nella sicurezza che egli è nostra roccia, nostra rupe e nostra fortezza.
Nella potenza dell'arma consegnataci da Gesù: la carità. Che non è buonismo episodico e inconcludente; né gesti isolati di bontà quando va di farli, o quando nascondono riscontri vantaggiosi, ma – come descrive san Paolo – impegno a essere persone magnanime, benevole, non invidiose, non vanagloriose, non orgogliose, rispettose, non in cerca del proprio interesse, non irose, non vendicative, amanti della giustizia e della verità.

In una società sempre più astiosa, rancorosa, violenta, opportunista, questa è la guerra da combattere, perché non conosce sconfitti, ma soltanto vincitori.

Fonte:www.paoline.it


Commenti