ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

fra Damiano Angelucci,"Tutto concorre al bene. "

Commento al Vangelo di Domenica 24 febbraio 2019, VII del Tempo Ordinario
Tutto concorre al bene. 

TESTO (Lc 6,27-38)
COMMENTO

L’unica spiegazione possibile a parole così chiare e dirette può essere solo la vita di chi le ha pronunciate: Gesù di Nazaret.

I suoi esempi, e solo essi, possono darci la concretezza dei suoi insegnamenti. Quando fu schiaffeggiato dalla guardia del sommo sacerdote, Gesù rispose prontamente: «Se ho parlato male, mostra dov'è il male; ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?». (Gv 18,23) Capiamo che il porgere l’altra guancia non significa, e non può significare nell’intenzione di Gesù, il rinunciare alla giustizia, ma piuttosto il non ricorrere ad altri mezzi per difenderla rispetto al dialogo, e quindi alla denuncia esplicita. Questo solo po’ interrompere la spirale della violenza e della rivalsa che inevitabilmente inaspriscono la controversia. Chi cede alla violenza e cerca vendetta è stato sconfitto dal male, perché risponde con la stessa logica e dimostra di esserne stato contagiato.

Gesù non è un pacifista, un figlio dei fiori; Gesù è un uomo di misericordia, è il figlio di Dio.
Lui ci insegna la via di Dio Padre e con la sua presenza spirituale inaugurata col Battesimo, rende possibile vivere i suoi stessi atteggiamenti di accoglienza e di tenerezza umana.
Se Gesù dice che il Padre non rifiuterà mai di dare cose buone a coloro che giorno e notte si rivolgono a lui per chiedere, così anche noi siamo chiamati e di fatto, per Grazia divina ricevuta, siamo resi capaci a dare cose buone a coloro che chiedono.

Lo slogan dell’anno della Misericordia di qualche anno fa era proprio “Misericordiosi come il Padre”. Lo possiamo dire con certezza di Gesù, ma lo possiamo e dobbiamo sperare per ciascuno di noi.

Non sempre Dio Padre, lo constatiamo quotidianamente, ci elargisce ciò che esattamente gli chiediamo, soprattutto nei tempi e nei modi che noi gli chiediamo (perché eventualmente ci dona sempre cose migliori); così anche noi saremo chiamati a esercitare nel nostro piccolo un amorevole discernimento fraterno, ma sempre dovremo saper dare qualcosa di buono a chi ci chiede; almeno il nostro tempo, il nostro ascolto, il nostro “esserci”.

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Commenti