ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

MONS. ANTONIO INTERGUGLIELMI, Commento IV Domenica del Tempo Ordinario

Immagine
 IV Domenica del Tempo Ordinario
 Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma) 


Saper guardare le persone, i fatti, le cose che ci accadono, senza fede, privi di Speranza, attaccati solo alle cose materiali. E’ questa la condanna dell’uomo che non conosce Cristo. Non ha rapporto con Dio, non riesce a vedere oltre i suoi preconcetti, giudica senza credere che con Dio tutto possa cambiare. Un uomo senza Speranza.

Così accade a Gesù quando a Nazareth rivela che le promesse si stavano avverando con Lui: con Cristo iniziava un tempo nuovo, il tempo della Misericordia e del Perdono. Ma i suoi contemporanei non ci credono, sono convinti che nulla possa cambiare, attaccati a quello che hanno visto: il figlio del falegname.

Quante volte chiudiamo così il Cielo: non crediamo nemmeno che noi possiamo cambiare, ricevere la Grazia dal Signore, e ancor di più davanti ad una persona che cambia vita, che si converte, siamo spesso scettici e increduli. In qualche modo, come i concittadini di Gesù, vogliamo uccidere la Speranza.

Dio sceglie i più deboli e imperfetti proprio per confondere i cosiddetti “bravi”, i moderni dottori della sinagoga che portano Gesù sul ciglio del monte per gettarlo giù: ma Cristo, come nel Vangelo di Luca, non se ne cura e continua ad operare miracoli e prodigi con i più poveri.

Fonte:http://www.radiogiovaniarcobaleno.it


Commenti

Ultimi post

In classifica

Post più popolari