ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

mons. Roberto Brunelli"La bocca esprime la verità del cuore"

La bocca esprime la verità del cuore
mons. Roberto Brunelli

VIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (03/03/2019)

  Visualizza Lc 6,39-45
Continua, col vangelo odierno (Luca 6,39-45), il discorso di Gesù cominciato col “Beati i poveri” che abbiamo ascoltato due domeniche fa e proseguito con l'”Amate i vostri nemici” di domenica scorsa. Oggi apprendiamo in particolare precetti relativi all'ipocrisia: “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo?”

Questa immagine paradossale ricorda una favola antica. Narra Esopo che ogni uomo, entrando nel mondo, si trova appese al collo due bisacce: davanti, quella piena dei vizi altrui; dietro, quella dei vizi propri; ovviamente vede e stigmatizza quelli degli altri, e non vede invece i propri. Il concetto è lo stesso, nel vangelo e nella saggezza degli antichi; differente è però il contesto in cui i due brevi racconti si collocano. Esopo si limita a costatare un dato della comune esperienza, che genera un certo pessimismo sulla natura umana e quindi sulla società. Il vangelo invece invita a guardare la pagliuzza altrui e la trave propria, con gli occhi con cui li guarda il Signore: con verità, ma senza condannare nessuno, perché nessuno di noi è immacolato, ma senza disperare, perché Egli ci dona sempre la possibilità di ricuperare, di ravvederci, di ricominciare. Torna alla mente l'episodio dell'adultera, colta sul fatto e trascinata davanti a Gesù col proposito di lapidarla, e salvata da lui con la celebre frase: “Chi di voi è senza peccato, scagli la prima pietra”. Quanta maldicenza, quante calunnie, quante vendette verrebbero meno, se ci ricordessimo delle due bisacce, della pagliuzza e della trave, dei sassi che lanciamo! Quanto spesso siamo inclini a rilevare anche il più piccolo difetto altrui, senza riconoscere che noi non siamo migliori, anzi talora siamo ben peggiori. E quand'anche parliamo con retta intenzione, rilevando i difetti altrui al fine di correggerli, stiamo bene attenti: non pretendiamo di guidare gli altri, se non siamo sicuri di parlare non secondo le nostre opinioni ma in conformità con quanto insegna il Maestro; altrimenti, dice il brano odierno, saremmo come un cieco che guida un altro cieco, e tutti e due cadono nel fosso. Stiamo bene attenti, anche perché le nostre parole rivelano chi siamo: come non possono venire uva o fichi da un cespuglio spinoso, così non può venire il bene da chi non l'ha nel cuore: “l'uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda”.

Buon cristiano è chi è sincero, nell'impegno incessante di far corrispondere i propri comportamenti e le proprie parole all'insegnamento del divino Maestro: senza la presunzione di avere in ciò raggiunto la perfezione, e anche per questo umile e comprensivo circa i difetti altrui, cercando di correggerli anzitutto con l'esempio, e se fosse necessario intervenire con un richiamo lo fa sempre col sorriso, senza ergersi a giudice o maestro. Per i cristiani il Maestro è solo uno! Noi siamo invitati a guardarci l'un l'altro con lo sguardo di amore misericordioso con cui Dio guarda anche il più incallito dei peccatori.

L'esempio del cieco che guida un altro cieco e tutti e due cadono nel fosso è stato spesso interpretato anche come un richiamo a quanti, pur consapevoli dei propri limiti, pretendono spudoratamente di ergersi a guide altrui, in tutti i campi, dalla politica alla scuola, dalla stampa all'economia. Al tempo di Gesù erano ad esempio i farisei, i quali si vantavano di essere perfetti osservanti della Legge e criticavano senza appello chi non era come loro (ricordiamo la parabola del fariseo e del pubblicano che vanno entrambi a pregare). E dopo Gesù ciechi sono quei cristiani sempre pronti a giudicare gli altri senza misericordia, dimentichi di quante volte anch'essi hanno potuto godere della misericordia di Dio.

Fonte:www.qumran2.net


Commenti

Post più popolari