ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

fra Damiano Angelucci, "Tommaso, uno di noi

Commento al Vangelo della II Domenica di Pasqua, 28 aprile 2019
Tommaso, uno di noi


TESTO (Gv 20,19-31)

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.


COMMENTO

E fu così che il discepolo incredulo divenne il discepolo credente, capostipite di tutti coloro che avrebbero bisogno solo di toccare e vedere per compiere il salto della fede. In realtà l’apostolo etichettato come l’incredulo è un uomo perfettamente ragionevole, come lo dovremmo essere tutti noi, pienamente ancorati a quel dono dell’intelligenza che non può essere sacrificata e offesa neppure in nome della fede.

In fondo cosa ha chiesto Tommaso se non constatare la verità dell’identità di Gesù di Nazaret, che gli altri dicevano di aver visto vivo?” E quali erano i segni più distintivi di quell’uomo se non le ferite del costato e delle mani?
Non ha egli comunque compiuto il salto della fede nell’affermare “mio Signore e mio Dio?” Tommaso ha visto un uomo ritornato in vita dopo averlo visto umiliato e violato, ma non ha potuto dire di aver visto Dio se non a partire da un atto di fede. Gli altri discepoli si limitano a dire “abbiamo visto il Signore”, ma lui, Tommaso, si spinge oltre e non senza, appunto, un atto di fede, dichiara: “Mio Signore, mio Dio”.

Un atto di fede grande, semplice, essenziale, che sorpassa la ragione senza offenderla; che si appoggia sull’esperienza umana ma che la supera a partire da un giudizio della coscienza, certamente illuminato dalla grazia divina.
La beatitudine di chi, pur non vedendo, avrà creduto alla testimonianza degli apostoli non diminuisce la grandezza e la bellezza del percorso di fede che Tommaso compie nel giro di pochi istanti. Veramente beati noi se poggiando sull’esperienza di coloro che hanno visto e udito sapremo credere, e beato anche Tommaso che a partire dalla sua esperienza umana da incredulo diventa credente.

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Commenti

Post più popolari