ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

Don Paolo Zamengo, "Voi siete la mia vita"

IV Domenica di Pasqua (Anno C)
Voi siete la mia vita   Gv 10, 24-30  

Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando terrai l'animo nostro sospeso? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». Gesù rispose loro: «Ve l'ho detto e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste mi danno testimonianza; ma voi non credete, perché non siete mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date è più grande di tutti e nessuno può rapirle dalla mano del Padre mio. Io e il Padre siamo una cosa sola».

Vi propongo il vangelo iniziando dai  versetti che precedono il brano ufficiale e che contengono una domanda dei giudei: “Fino a quando terrai l'animo nostro sospeso? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente”.

I giudei hanno una curiosità intellettuale sull’identità di Gesù, chiedono una definizione, vogliono un concetto.  Gesù risponde che la sua identità non è esprimibile in una formula ma è riconoscibile nelle sue opere. Gesù non è venuto per darci una conoscenza intellettuale di Dio ma per indicarci la strada della fiducia, della vicinanza, della comunione,  come via all’incontro con  lui. 

Gesù si è incarnato, si è fatto uomo, per farsi conoscere, proponendoci una relazione di legame con lui. (Pietro, mi ami tu?). Dio non pretende da noi l’osservanza di norme e di leggi, ma prima di tutto si china verso di noi, si fa nostro servo per amore.

Al centro, Dio non mette se stesso ma l’uomo, mette noi e il nostro vero bene. La gloria di Dio non sta nel suo trionfo, nel suo giudizio, nella sua perfezione. La gloria di Dio è l’uomo e che ogni uomo abbia il bene di una vita piena ed eterna in lui.

Gesù, buon pastore, lo esprime così:  “Io do loro la vita eterna e le mie pecore non andranno mai perdute e nessuno le rapirà dalla mia mano”. E la parabola termina con la più sconvolgente delle affermazioni: “Il buon pastore offre la sua vita per le pecore”.

Gesù ci assicura che per Dio la vita dell’uomo è più importante della sua stessa vita. La relazione tra uomo  e Dio ha l’uomo al centro. Assurdo per la logica del mondo ma è l’unica logica per  Dio che è amore.  Conosce le sue pecore. Ci sente figli, fratelli. È il padre di tutti. Ci conosce e ci ama e ha voluto offrire la sua vita. Nessuno andrà al Padre se non per merito suo. 

Gesù ha dato la sua vita ed è per la potenza di questo amore fino alla morte che noi ci sentiamo di appartenergli, come attraverso un patto sigillato nel sangue, la cui forza è irreversibile. Nessuno mai potrà strapparci dalle sue mani.

Ma c’è un’altra ragione più decisiva ancora. Gesù non si è costituito da sé come Pastore. A sua volta è nelle mani di un Altro, si è messo nelle mani di un Altro, indissolubilmente, irreversibilmente. “Padre, nelle tue mani affido la mia vita” sono state le ultime splendide e definitive parole di Gesù. Anche noi siamo del Padre.

Più volte Gesù ci rassicura: Non abbiate paura, voi valete! Che bello questo verbo! Per Dio io valgo, io conto. Valgo di più di quanto osavo sperare. E se una vita vale poco, niente comunque vale quanto una vita. Ci abbandoniamo con Gesù nelle mani del Padre, perché Gesù e il Padre sono una cosa sola. Gesù è sceso quaggiù unicamente perché noi possiamo seguirlo lassù.

Prima della comunione sarà dolce sentire vibrare nel cuore le parole: “Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.” E sarà beato chi, accogliendo l’invito, potrà sussurrare: “ O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa: ma dimmi soltanto una parola e io sarò salvato”.


Commenti

Post più popolari