ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

don Fabio Rosini, "SOLTANTO L’AMORE ANDRÀ OLTRE LA MORTE"

XVIII Domenica Del Tempo Ordinario (Anno C) - 4 Agosto 2019
SOLTANTO L’AMORE ANDRÀ OLTRE LA MORTE

«La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “[...] Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”».

Luca 12,13-21
   

Gesù sta predicando e un uomo lo interrompe: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Un’ingiustizia fra fratelli, pare. Potrebbe anche essere solo una richiesta di condivisione. Comunque è chiaro che stiamo parlando di un conflitto di interessi fra denaro e fraternità. Quante famiglie litigano per problemi di soldi?

Sembrerebbe di poter dire che il tizio che interrompe Gesù è la vittima e il fratello-carogna è presente – sennò Gesù come potrebbe dirglielo?

«Visto che puoi dirglielo, allora, anziché dire tutte le cose strane che dici – Gesù stava parlando di persecuzione, di non preoccuparsi per la propria incolumità ma di riconoscerLo pubblicamente costi quel che costi, e bizzarrie del genere… – parla piuttosto di ciò che conta, una buona volta! Parliamo di soldi e di giustizia!».

E Gesù ribatte con una strana domanda: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». Una prima possibilità è che gli stia dicendo: «E che c’entro io con queste cose? Non è questo il mio compito. Nessuno mi ha messo a fare questo». Se è così, già ci sarebbe molto da cavarne fuori.

Ma la risposta di Gesù può esser letta anche in altro modo. Noi sappiamo dallo stesso Luca – negli Atti degli Apostoli, quando Paolo parla ad Atene (At 17,31) – che per i primi cristiani era forte la consapevolezza di quel che è il nostro settimo articolo del Credo: «Verrà a giudicare i vivi e i morti». Chi lo ha stabilito giudice sugli uomini e mediatore fra Dio e l’uomo? Il Padre lo innalzerà a giudice e discrimine della storia.

Infatti Gesù prosegue con i parametri del discernimento: cosa è veramente importante nell’esistenza? Da cosa dipende la vita? Perciò racconta la parabola di un uomo che, dopo un immenso raccolto, si mette a pianificare tutto come se non morisse mai, come se tutto sia nelle sue mani. Ma Dio ha altro da dirgli: «Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita». Non hai fatto i conti con me. La vita e la morte sono in mio potere.

DAVANTI A DIO. Quando sant’Ignazio consegna i parametri per prendere le decisioni importanti, usa, fra le altre, l’immagine di arrivare al cospetto del Signore nel giorno del giudizio. Sto decidendo se fare una cosa: come ci starò davanti a Dio? Se scelgo questo reggerò il Suo sguardo o mi vergognerò di questa scelta?

Il parametro è la vita, ma quella vera, quella eterna. E quindi il discrimine è il termine delle cose.

Nella prima lettura di questa domenica c’è il poderoso inizio del Libro del Qoèlet: «Vanità delle vanità: tutto è vanità!» Era il canto allegro di san Filippo Neri, che preferiva il paradiso a ogni svolta della vita. Tutto è vanità. Tutto passa. San Paolo dice che solo l’amore andrà oltre la morte (cfr. 1Cor 13,8). Solo le relazioni vanno oltre la morte. Amare mio fratello è questione di eternità, i soldi no. Dividere l’eredità con lui o perdonarlo perché non l’ha divisa con me, è questione di eternità.

Il resto è spazzatura. Passerà la morte e se lo porterà via. Poi starà in piedi solo l’amore.

Fonte:http://www.famigliacristiana.it

Commenti

Ultimi post

In classifica

Post più popolari