ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

DON DOMENICO MACHETTA"POTERE POLITICO, RICCHEZZA, ORGOGLIO CULTURALE"

DON DOMENICO MACHETTA"POTERE POLITICO, RICCHEZZA, ORGOGLIO CULTURALE"

25a Domenica T. Ordinario Anno C | Appunti per Lectio

1ª LETTURA: Am 8,4-7
Amos è un grande difensore della giustizia. Siamo in un'epoca di grande prosperità, intorno all'anno
750 a.C., ai tempi di Geroboamo II.
Amos, un mandriano della Giudea, viene chiamato dal Signore a fare il profeta in Israele, nel regno del Nord.
"L'uomo, nella prosperità, non comprende", dice un salmo (48/49); diventa come gli animali.
Il benessere rende l'uomo autosufficiente, sordo ai richiami del Signore.
Amos alza la voce in nome di Dio: condanna con forza le ingiustizie dei potenti, dei furbi che arricchiscono a scapito dei miserabili; condanna una religione che, con lo splendore del culto, mette la maschera sulle vergognose piaghe sociali. Ma lo sguardo di Dio penetra nell'intimo dell'uomo.
Dio è dalla parte dei miseri, degli oppressi. È lui il difensore dei poveri.

VANGELO: Lc 16,1-13

Non viene lodato, naturalmente, questo amministratore, ma viene marcata la scaltrezza, l'abilità con cui i figli delle tenebre sanno agire. I figli di questo mondo sono più scaltri dei figli della luce. Luca non è per le mezze misure: o dai tutto ai poveri o amministri esclusivamente in vista dei poveri. Un distacco spiritualizzato è un'illusione. La "scaltrezza" del cristiano toglie l'ansia e genera la libertà interiore. Chi non ha niente, sa e può parlare, può servire, può amare.
La ricchezza è sempre sporca.
La Chiesa è attendata nel mondo. Non si identifica con il mondo: deve contestare il mondo. E diventa così missionaria, e quindi perseguitata.
Potere politico, ricchezza, orgoglio culturale sono espressioni del dominio di Satana.
C'è sempre una tentazione nella Chiesa: giocare al compromesso. Non si può servire due padroni.
Attenzione: "mammona" (termine di origine fenicia) indica ricchezza e potere uniti. La ricchezza fa l'uomo potente. Ricchezza e potere sono sempre uniti. Per resistere a questa tentazione la Chiesa ha la forza dello Spirito, che dà gioia e pace.
Povertà e umiltà sono il contrappeso al binomio ricchezza-potere, sono l'anti-mammona.
La "lavanda dei piedi": questa è la forza della Chiesa! Come notiamo, tornano sempre i temi del Magnificat:
"Ha rimandato i ricchi a mani vuote, ha rovesciato i potenti dai troni". Non pensiamo subito ai potenti del mondo che schiacciano i poveri. Incominciamo a pensare alla potenza che si annida in ogni uomo. "Ha disperso i superbi".
Pensiamo alla radice della potenza: all'orgoglio della mente, al desiderio di emergere, di affermarsi.
Chi vuole avvicinarsi a Dio deve prepararsi all'opera di demolizione.
Beati noi se sapremo cogliere le occasioni che Dio ci darà per abbattere il nostro "io".
"Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti".
Chi è attaccato alla potenza e alla ricchezza è un cieco; non sarà mai capace di amore vero. Per amare occorre essere poveri e umili, come Maria di Nazareth.

Don Domenico MACHETTA
 Fonte:  www.donbosco-torino.it  


Commenti

Ultimi post

In classifica

Post più popolari