ARCHIVIO PER RICERCHE

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

p. José María CASTILLO, "SE AVESTE FEDE!"

XXVII TEMPO ORDINARIO – 6 ottobre 2019 - Commento al Vangelo
SE AVESTE FEDE!
di p. José María CASTILLO


Lc 17,5-10
[In quel tempo,] gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe. Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».
Il vangelo di Luca non parla qui dei “discepoli”, ma degli “apostoli”. E non inizia parlando di Gesù, ma del Signore. Il linguaggio quindi è di contenuto forte, importante. Perché? Perché tratta un tema molto delicato ed importante. Si tratta del tema della fede, in particolare di quella degli apostoli. Ma la cosa sorprendente è che parla di questa questione per sottolineare ancora una volta che la fede degli apostoli era molto debole. Ne sono coscienti gli stessi apostoli e per questo chiedono al Signore che aumenti loro la fede. A questo Gesù risponde affermando che effettivamente la fede di quegli uomini era quasi insignificante: “Se aveste fede quanto un granello di senape…”. Il granello di senape è l’esempio della cosa più piccola ed insignificante che si può menzionare. La fede degli apostoli quindi era insignificante, quasi nulla, qualcosa di praticamente inesistente.
Gesù lo aveva detto in varie occasioni. Dei discepoli dice che non avevano fede (Mc 4,40) o che erano «increduli» (ápistoi) (Mt 17,17). In altri casi li definisce come oligópistoi, come chi è “oligofrenico”, ma nelle cose di religione (Mt 17,20). O si dice di alcuni di loro che “non credevano” (ápistoi) (Lc 24,11.34), che avevano una fede piccolissima, che era come quasi nulla (Mt 8,26; 14,31; 16,8; Lc 12,28). D’altra parte, Gesù non ha elogiato la fede degli apostoli come ha fatto con il centurione romano (Mt 9,10 par), con la donna cananea (Mt 25,38 par) o con il lebbroso samaritano (Lc 17,19). Per Gesù la fede è la fiducia totale in lui. Chi si fida di Gesù in tutto, è colui che crede in Gesù il Signore.

Fonte:https://www.ildialogo.org


Commenti

Ultimi post

Post più popolari