ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16100

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

fra Damiano Angelucci, "La svolta "sovranista" di Gesù di Nazaret"

Commento al Vangelo della Solennità di Cristo Re dell'Universo - 24 novembre 2019

La svolta "sovranista" di Gesù di Nazaret


TESTO (Lc 23,35-43)

In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».
Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».
E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso»


COMMENTO

"Salva te stesso!” – ecco la provocazione ripetuta tre volte a Gesù dai capi del popolo, dai soldati e infine da uno dei due malfattori. Anzi, il malfattore aggiunge nella più profonda disperazione “…salva anche noi!”

È il rimprovero che una schiera innumerevole di persone sofferenti, cristiane e non, ha rivolto e rivolge ogni momento a Dio. Se Egli è il creatore onnipotente e misericordioso verso gli uomini, perché non risparmia tanta sofferenza a milioni e miliardi di suoi figli?

La domanda sul perché del male, fisico o morale che sia, ha attraversato le epoche e le culture, e ha anche interrogato il cuore degli stessi cristiani, fino a far dubitare dell’esistenza di Dio, o comunque di un Dio benevolo.

L’odierna festa di Cristo Re dell’Universo ci pone davanti, non a caso, proprio il Cristo crocifisso, per condurre la nostra attenzione alla radicale ed essenziale vittoria di Cristo sul male.

Il regno di Dio non è di questo mondo (lo disse Gesù stesso a Pilato durante il processo), perché egli non regna esercitando una violenza più forte, o facendo valere un’autorità più tirannica, ma collocandosi in un’altra prospettiva, quella dell’amore eterno di Dio Padre.

Egli non mercanteggia né si associa ai poteri umani, ma ci ama in Dio, e accettando la morte, da risorto riporta nella gloria eterna di Dio Padre non solo la sua vittoria personale, ma anche la vittoria di tutti coloro che si volgono a Lui (come il malfattore pentito)

Qui ed ora Cristo regna veramente.
Cristo regna nel cuore di coloro che accolgono le sue parole di vita e il suo Santo Spirito, e si inseriscono così in modo vitale nel suo corpo storico che è la Chiesa.
 Egli già da ora regna sull’odio e sulla disperazione, donandoci in questo tempo una consolazione ineguagliabile.
Ma siamo certi che questo Regno diventerà per sempre e per tutti una vittoria definitiva quando egli tornerà, come diciamo nel Credo, a giudicare i vivi e i morti!

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Commenti

Ultimi post

In classifica