ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

fra Damiano Angelucci, "A BUON INTENDITOR POCHE PAROLE"

Commento al Vangelo della III Domenica di Avvento – 15 dicembre 2019 – anno A
"A BUON INTENDITOR POCHE PAROLE"

TESTO (Mt 11,2-11)


In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».

Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”.

In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».






COMMENTO

Possiamo cominciare a leggere questo passo dal fondo, dalle ultime parole di Gesù. Questi afferma che Giovanni Battista è il più grande tra i nati da donna, ma anche che  il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. Il più piccolo in assoluto, per il suo abbassamento dalla potenza divina all’umiltà della condizione umana, è lo stesso Gesù. Chi più di lui ha percorso un itinerario di abbassamento e di umiliazione? Chi più di lui in Israele sarà offeso, disonorato, flagellato e percosso?

In forza del suo abbassamento alle condizioni più disonorevoli delle sorti umani, Gesù è in grado di farsi vicino a tutti, di portare la vicinanza di Dio dove nessun uomo per quanto grande, magnanimo e penitente, sarebbe potuto arrivare, neppure Giovanni Battista. Nel suo essere Dio ma allo stesso tempo uomo, Gesù è capace di toccare, risanare, ricreare, in una parola: redimere, tutta quella parte di umanità afflitta, sfinita e sofferente. Al riguardo Gesù dirà anche: “Venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò” (Mt 11,28).

I segni straordinari compiuti dal Signore: guarire i ciechi, resuscitare i morti, annunciare la buona notizia ai poveri, dovevano bastare al Battista per trovare conferma alla domanda recapitata a Gesù che in sostanza voleva dire: “Sei tu il nostro liberatore oppure no?”

Se vogliamo, quelle guarigioni hanno avuto una portata molto limitata, ma è significativo che quei segni erano ciò che gli ebrei aspettavano e avevano appreso dalle promesse degli antichi profeti. Dunque Dio, nella persona di Gesù, si è reso vicino agli uomini, in modo definitivo e risolutivo. D’ora in poi in Lui, cioè nel Cristo morto-risorto, ed eternamente stabilito nella gloria di Dio, nella sua Grazia, ogni uomo, compreso lo stesso Giovanni Battista, potrà rinascere dall’Alto, divenire grande, libero da ogni male, e alla fine di questi giorni, felice per sempre.

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Commenti

Ultimi post

In classifica

Post più popolari