ARCHIVIO PER RICERCHE N. OMELIE 16200

Mostra di più

AUTORI ED ETICHETTE

Mostra di più

p. Gaetano Piccolo SJ, Commento IV Domenica di Avvento - Anno A


IV Domenica di Avvento - Anno A
Is 7, 10-14; Sal.23; Rm 1, 1-7; Mt 1, 18-24.
Congregatio pro Clericis
 

«Il Signore si mette una seconda volta in comunione con l’uomo, e in comunione molto più straordinaria della prima, in quanto la prima volta egli mi fece partecipare alla natura migliore, ora invece è lui che partecipa all’elemento peggiore».

Gregorio Nazianzeno



Un’oscurità profonda

La nostra vita attraversa talvolta momenti di buio. Ci troviamo davanti a eventi ai quali non riusciamo a dare senso. E quando non c’è chiarezza, facciamo fatica a decidere dove andare, dove mettere i piedi, quale strada intraprendere. Forse non a caso, quest’ultima domenica di Avvento ci sorprende in uno dei momenti astronomicamente più bui dell’anno: il nostro mondo attraversa una fase di oscurità profonda. Gli antichi avevano molta paura di questi giorni dell’anno, perché temevano che le tenebre potessero divorare pian piano la luce. Il messaggio delle letture di questa domenica viene a dirci allora che, anche quando la nostra vita attraversa le tenebre, Dio non smette mai di essere con noi, cammina con noi nel buio della vita, perché Egli è l’Emmanuele, la luce che torna a sfolgorare nella nostra oscurità.



Dio nel profondo

Anche Giuseppe, promesso sposo di Maria, si trova davanti all’incertezza, in una situazione in cui non vede chiaramente. Le tenebre sembrano avvolgere la sua vita. E si addormenta. Dio lo raggiunge nel sogno, nel luogo del profondo, quando le nostre difese sono abbassate. Era accaduto così, tanti secoli prima, anche con Giacobbe, il quale, nella sua fuga dal fratello Esau, a un certo punto si sente perso, si addormenta, sogna, e lì Dio lo raggiunge.



La realtà                                       

Nell’incontro con Dio nel profondo, tutti i pezzi sembrano ritrovare la loro collocazione. Giuseppe si è ritrovato innanzitutto davanti a una realtà drammatica e complessa: la sua sposa, Maria, è stata trovata incinta. Si tratta di una situazione che la legge giudaica condanna con durezza: sebbene la lapidazione non fosse più praticata al tempo di Gesù, Giuseppe era tenuto a ripudiarla, il che voleva dire esporre la donna a una situazione di esclusione e di sopruso. Al più, esercitando la misericordia, Giuseppe avrebbe potuto licenziarla in segreto, alla presenza di due testimoni, per evitare di esporre Maria a uno scandalo pubblico. Probabilmente è su queste alternative che Giuseppe si stava interrogando.



Che cos’è la giustizia?

Matteo descrive infatti Giuseppe come uomo giusto, forse per indicare il suo tentativo di mitigare la legge con la misericordia. Cosa vuol dire allora essere giusto? La mera applicazione della legge, senza tener conto della situazione singolare e specifica delle persone, vuol dire giustizia? Giuseppe sta cercando non solo di andare oltre la mera applicazione della legge, non solo sta cercando di tener conto dell’amore nei confronti di Maria, ma sta cercando anche un modo per comprendere e trovare un senso a quello che è accaduto. Forse questo significa essere giusto. Oggi assistiamo a frequenti appelli al giustizialismo, ma questo non significa necessariamente percorrere la via della giustizia.



L’orizzonte della promessa

Proprio mentre è notte, Dio entra nella vita di Giuseppe per fare luce. E lo aiuta a guardare più in là. Il presente, anche se drammatico, acquista senso all’interno di una promessa più ampia, quella che Dio aveva fatto a Israele otto secoli prima, attraverso il profeta Isaia. Si trattava anche in quel caso della promessa di un figlio, segno della presenza di Dio nella storia, accanto al suo popolo. Il Vangelo di Matteo vuole annunciare infatti il compimento di quella parola. Alla fine del Vangelo, Gesù ci ricorderà ancora una volta quella promessa: «Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,20), qualunque sarà la strada che dovrete attraversare, nelle vostre fatiche e nelle vostre tenebre, io sono con voi, perché sono l’Emmanuele.



Il momento di decidere

Alla fine di questo percorso, Giuseppe si sveglia. È giorno. Si è fatta luce nella sua vita. Vede le cose con chiarezza e allora può decidere. Giuseppe non rimane intrappolato nei sogni, non rimane ossessivamente a considerare gli elementi in gioco. A un certo punto occorre fidarsi di Dio e rischiare. Occorre agire secondo quello che, nel dialogo con Dio, ci sembra giusto. È l’esito del discernimento: dalla considerazione ponderata nel profondo della coscienza fino alla decisione.



Leggersi dentro

- Hai la possibilità di prenderti momenti di preghiera e di riflessione per guardare a quello che sta avvenendo nella tua vita?

- Quanto spazio ha la misericordia nella valutazione degli eventi che segnano la tua vita, le relazioni con gli altri, il tuo modo di agire?



P. Gaetano Piccolo S.I.

Compagnia di Gesù (Societas Iesu)

Fonte:http://www.clerus.va/

Commenti

Ultimi post

In classifica

Post più popolari